Pronti per la vostra vacanza?

Fate subito una richiesta senza impegno o prenotate direttamente la vostra esperienza di vacanza più varia nelle Alpi dai Ganis.

Pianifica
la tua
vacanza
Hotel Ganischgerhof Deutschnofen Dolomiten Südtirol

Walter il fondatore del mondo Ganis

Padrone di casa, padre, punto di riferimento, consigliere, nonno – Walter potrebbe essere descritto in moltissimi modi e quasi tutti quelli che sono stati ospiti al Ganischgerhof conoscono, in un modo o nell’altro, l’amato capo famiglia o lo hanno incontrato da qualche parte nel mondo Ganis: in hotel a colazione con sua moglie Leni, alla cassa della Ganischgeralm o sulla terrazza soleggiata con giornale e caffè.

Sarebbe impossibile immaginare la storia dei Ganischger senza la sua visione per gli affari – insieme a Leni, i due hanno posto le fondamenta per il mondo Ganis di oggi e hanno creato un’attività per se stessi e per i loro figli. Oggi, Walter lascia la gestione dell’azienda ai suoi 4 figli, ma è sempre al loro fianco a parole e nei fatti: ha un orecchio aperto a tutti, ha sempre qualche battuta pronta e, naturalmente, aiuta ancora alla cassa della Ganischgeralm.

Ogni giorno alle otto e mezza, che sia estate o inverno, Walter entra dalla porta del Platzl, saluta amichevolmente e si accomoda – tutti i camerieri sanno già cosa prende. Anche oggi, infatti, Walter si siede a un tavolo del Platzl con un cappuccino cremoso e ci racconta un po’ della sua vita.

“Sono nato a Nova Ponente il 6 marzo 1942, primo di tre figli. Nostro padre è morto abbastanza presto, quando avevo solo 16 anni, perciò abbiamo dovuto aiutare in casa dove c’era bisogno. Vivevamo con nostra madre nell’ex locanda Schönwald – questo era in origine il nome del Ganischgerhof – e gestivamo la locanda e il maso adiacente. Mi piaceva lavorare al maso, soprattutto da piccolo, e badare alle mucche. Nell’hotel, che all’epoca aveva 27 letti, dovevo servire gli ospiti – ma non era esattamente il mio lavoro preferito, soprattutto perché non ho mai imparato. Per questo facevo più che altro il fattorino, andavo a prendere i giornali, facevo la spesa, ecc.

Ho studiato a Bolzano, alla scuola commerciale Marco Polo. Non ero particolarmente diligente, facevo solo lo stretto necessario, ma era sempre sufficiente – ed ero anche bravo!

Da giovani andavamo spesso a sciare all’impianto di Nova Ponente – lo sci è ancora oggi una mia grande passione e in inverno mi godo sempre qualche pista prima di andare a lavorare alla Ganischgeralm. A 18 anni, poi, ho lavorato per la prima volta come maestro di sci a Nova Ponente, dopo di che sono anche andato a Cervinia in Valle d’Aosta per una stagione invernale, sempre come maestro.

Fino agli anni 70 qui non c’era turismo invernale. Ricordo ancora all’inizio come siamo riusciti ad attrarre molti sci club e gruppi di giovani nell’hotel, che poi sono scesi sulle piste di Obereggen. Il primo impianto di risalita, l’Oberholz, è stato costruito nel 1970 e subito dopo sono stati costruiti i primi hotel a Obereggen, come lo Sporthotel, direttamente alla stazione a valle.

Nel 1970 abbiamo ampiamente ristrutturato il Ganischgerhof – già allora si vedeva come stava aumentando il turismo: nel giro di pochi anni abbiamo raggiunto quasi il doppio del prezzo per una stanza rispetto a qualche anno prima.

Ah sì, è successa un’altra cosa nel 1970: io e Leni ci siamo sposati! E poi sono nati i nostri quattro birbanti uno dopo l’altro – l’ultimo, Georg, nel 1979.

Negli anni seguenti abbiamo sempre fatto piccole e grandi ristrutturazioni all’hotel: sono stati aggiunti piscina e garage, costruite nuove camere e il bar al posto della vecchia stalla. Oggi, quando si entra nella lounge del Ganischgerhof, si possono ancora vedere i muri di pietra a volta della vecchia stalla, che abbiamo voluto lasciare com’erano! A quel punto abbiamo spostato la cascina vera e propria e nel 1980 io e Leni ci abbiamo costruito la nostra casa privata.

In realtà, avremmo voluto ampliare l’hotel negli anni 80 – un bel progetto, con 2 campi da tennis dietro la struttura! Ho ancora i disegni a casa. Ma poi i tassi d’interesse sono aumentati rapidamente di quasi il 25% e si è deciso di fermare il progetto, poi, come sappiamo, l’economia è crollata.

Nel 2000 abbiamo fatto l’ultima grande ristrutturazione al Ganischgerhof – che presto non sarà più l’ultima! 😉

Ho potuto imparare molto dai vari lavori di costruzione e ristrutturazione dell’hotel, della Ganischgeralm, della Gardoné e della mia stessa casa – dopo tutto, sono stato coinvolto attivamente nella comunità locale dal 1974 per un totale di 30 anni, 26 dei quali come assessore all’edilizia. E ancora oggi, quasi ogni due anni, facciamo un’escursione con l’ex comitato. Come nel 2021, quando siamo stati a Napoli per 4 giorni!

Anche da bambino mi è sempre piaciuto andare in vacanza, allora andavo in colonia. Anche con Leni ho viaggiato spesso, per un po’ siamo sempre andati a Gran Canaria in novembre, dopo la stagione estiva – credo quasi 14 volte! È sempre bello…” 😉

Walter, avresti mai immaginato allora che il piccolo Hotel Schönwald sarebbe diventato un giorno il punto di partenza dell’attuale Ganis World?

“No, non l’avrei mai immaginato! Ma ho sempre voluto provare cose nuove, spesso mi trovavo forse un passo avanti rispetto agli altri e correvo dei rischi. Ha sempre funzionato bene, il business è cresciuto e poi, sai, una cosa tira l’altra. Sono orgoglioso dei miei figli – sono fortunato che stiano portando avanti il mio lavoro, per così dire. Conosco moltissime imprese gastronomiche dove le nuove generazioni semplicemente non sono interessate e non hanno portato avanti il lavoro dei genitori.

Ricordati che lavorare nel settore dell’ospitalità non permette di avere molto tempo libero, deve piacerti farlo! Sono contento che mia moglie mi abbia sempre sostenuto – non avrebbe potuto fare diversamente, anche lei viene dal settore dell’ospitalità e ha la mia stessa mentalità”.

Ma quello che ci interessa davvero sapere è come Walter sia riuscito a tenersi così in forma fino all’età di 80 anni! Ridendo ci dice: “Ho sempre lavorato! Sempre al lavoro e sempre in giro, non mi sono mai fermato! E per tutta la vita sono sempre stato in ottima compagnia e Leni si è presa cura di me – ha tenuto le redini! Ora pian piano voglio ritirarmi, godermi il tempo libero e viaggiare con mia moglie. Ma la cosa più importante è restare comunque in salute!”.

E questo, caro Walter, è quello che ti auguriamo con tutto il cuore!
Ancora tanti auguri!