Pronti per la vostra vacanza?

Fate subito una richiesta senza impegno o prenotate direttamente la vostra esperienza di vacanza più varia nelle Alpi dai Ganis.

Pianifica
la tua
vacanza
Hotel Ganischgerhof Deutschnofen Dolomiten Südtirol

Il vecchio amore non arrugginisce

Il rapporto di Klaus Pichler con la sua Spider è profondo. Da appassionato di Oldtimer, ha sviluppato uno degli eventi più spettacolari dell’Alto Adige: la Eggentaler Herbst Classic, uno dei raduni più importanti della scena automobilistica classica.

Questa è la storia di un amore profondo, lungo ma non sempre semplice. Klaus Pichler è ancora a scuola alla tenera età di 18 anni. La scuola alberghiera, dove ha gettato le basi per la successiva gestione di un hotel come il Ganischgerhof. Ma ovviamente – come tutti i ragazzi – Klaus non ha solo in mente la scuola, ma anche qualcos’altro. Auto, per esempio. “Sono tornato a casa da mio padre in quel momento e gli ho detto con grande entusiasmo di aver visto l’auto dei miei sogni.” È un Alfa Spider Duetto, che all’epoca aveva 16 anni. L’entusiasmo del padre di Klaus Walter è limitato. “Cosa vuoi fare con un rottame che è vecchio quasi quanto te?”, Risponde scocciato a Klaus e gli fa il seguente suggerimento: “Ti comprerò una nuova Golf, ma non otterrai quella spider.” 

Anche l’entusiasmo di Klaus per la proposta di suo padre è limitato. Klaus non impiega molto a elaborare il seguente piano: vende entrambe le sue macchine, svuota il suo conto, raccoglie tutti i suoi risparmi e chiede a sua nonna un prestito di un milione di lire. Ecco fatto. All’improvviso Klaus gira tutto orgoglioso. Non incontra l’entusiasmo del padre e tantomeno dai suoi compagni di classe. Tuttavia, si accorge presto che l’auto dei suoi sogni è troppo poco pratica per un giovane ristoratore, motivo per cui Klaus prende la sofferta decisione di vendere di nuovo la Spider. 

Ci vogliono 15 anni prima che Klaus riscopra accidentalmente il suo vecchio amore arrugginito sul lato della strada, con un foglietto attaccato al finestrino: “In vendita”. Non ha bisogno di un secondo per decidere che vuole indietro “la sua” Spider. “Quando avevo 18 anni, la Spider era solo una vecchia macchina. Ma ora era una vera oldtimer ”, ricorda Klaus. “Si può dire che in questo momento sono diventato un appassionato di auto d’epoca. E si sa, il vecchio amore non arrugginisce mai” E come talvolta accade, non era solo in famiglia: “Mio fratello Markus non ha impiegato molto a comprare una Porsche Speedster “, dice con un sorriso. 

Klaus inizia a muoversi nella scena automobilistica delle classiche. Visita eventi, fiere, partecipa a manifestazioni. A poco a poco, matura un’idea che presto trasforma in un piano concreto: organizzare il suo raduno delle auto d’epoca nelle Dolomiti. Montagne che Reinhold Messner un tempo chiamava le più belle del mondo. Klaus si fa consigliare ed aiutare attivamente da Markus Christ, che conosce in quanto organizzatore del Kitzbühel Alpine Rally e proprietario di un’agenzia pubblicitaria, e lancia la prima Eggentaler Herbst Classic nel 2005. 

“La prima volta ho avuto otto team sulla griglia di partenza”, afferma Klaus Pichler. Non è stato facile iniziare da zero, per di più, sei delle otto squadre erano state da lui invitate. Il piano per l’evento successivo è stato quello di: “Invitare donne di spicco come Dana SchweigerNatascha Ochsenknecht o Tina Bordihn, perché poi arriveranno anche gli uomini”. Tuttavia, la Eggentaler Herbst Classic impiega tempo a superare i suoi problemi iniziali. Il fattore decisivo qui è che Klaus Pichler contatta Karlheinz Schott. Uno dei luminari quando si tratta dell’organizzazione e della tracciatura dei percorsi dei rally automobilistici classici. “Insieme abbiamo innalzato l’evento a un livello professionale superiore”, afferma Klaus in retrospettiva. Non solo molti nomi importanti della classica scena automobilistica arriveranno in Val d’Ega in autunno, ma anche alcune celebrità come John Jürgens o Hasan SalihamidzicNel frattempo, Klaus Pichler deve pensare a come gestire il gran numero di partecipanti. 120 squadre si sono presentate nel 2019. Troppi in realtà. “Ora bisogna trovare la quadra per mantenere la qualità e non dover dire di no a nessuno”. 

È stata una strada lunga e talvolta molto faticosa fino a quando la Eggentaler Herbst Classic è diventato quello che è oggi. La “colpa” è l’amore spontaneo per la vecchia Spider, il vecchio amore che non arrugginisce mai, che Klaus comprò contro il volere di suo padre. Ma Walter Pichler ha perdonato suo figlio molto tempo fa. E ora può essere avvistato nei team di partecipanti della Eggentaler Herbst Classic.