La Pensione ¾ Ganischger Plus+ non lascia alcun desiderio insoddisfatto

Con la nostra „Pensione ¾ Ganischger Plus“ avrete libera scelta per il vostro benessere culinario non solamente in Hotel. Infatti, seguendo i vostri desideri ed i vostri ritmi, senza stress, potete gustare il meglio dalle nostre cucine presso la Gardoné, la Ganischgeralm e il Platzl Mountain Lounge. Nulla potrà impedirvi di gustare la più varia esperienza di vacanza „As you like it“.

„Live what you love and only as you like it“

Nel cuore delle Dolomiti, nella caratteristica Val d’Ega, circondata dal Catinaccio e dal Latemar, c’erano una volta i „Ganis“, noti in lungo ed in largo per la loro accogliente ospitalità.

I „Ganis“ avevano creato un accogliente regno in uno dei luoghi più belliavvolto nel verde e nella pace, dove poter viziare i propri ospiti a regola d’arte e dove poterli sorprendere ogni giorno. E, poiché i “Ganis” erano una compagnia molto vivace e popolare, amante del divertimento e mai annoiati, avevano scovato diversi luoghi segreti in cui portare i propri ospiti per offrire loro bella musica ed ogni tipo di intrattenimento.

La gente accorreva anche da molto lontano per trascorrere momenti divertenti e rilassanti in compagnia dei „Ganis“.

Un giorno giunse in Val d’Ega uno straniero. Egli aveva vagato per mezzo mondo, ma, fino a quel momento, non aveva mai trovato cosa andava cercando: il connubio perfetto tra varietà e pace, tra lusso e natura, tra piacere e semplicità. Senza sosta giunse fino alle sponde del Lago di Carezza, dove, dalle acque turchesi del lago, gli apparve una bellissima fata. Ella, scuotendo la testa, guardò il malridotto viandante e gli disse con voce chiara e cristallina:

Vivi ciò che ami, ristabilisci il tuo spazio,

per i tuoi sogni, goditi ogni attimo,

con tutti i sensi, proprio come tu lo desideri …

 

Lo straniero inizialmente colto alla sprovvista, capii che questa era la chiave per raggiungere il suo obiettivo. Improvvisamente si sentì arrivato e pronto per vivere a pieno la propria vita.

Benvenuto al Ganis Ganischgerhof Mountain Resort & SPA

Scoprite tutto il mondo Ganis

"Non solamente un rally, ma anche un incontro di amici"

Karlheinz Schott in qualità di direttore gara è diventato parte integrante della Eggentaler Herbst Classic. È un'icona della scena nonché amante dell'Alto Adige. Nell'intervista, spiega cosa rende così speciali la manifestazione, l'area e le persone qui.

Karlheinz Schott, in qualità di direttore gara della Eggentaler Herbst Classic è difficile immaginare questo evento senza di lei. Come è nato il suo rapporto con l’Alto Adige?

Il 2019, è stata la mia ottava edizione in qualità di direttore di gara, e prima ancora avevo sentito parlare dai partecipanti di un evento che era ancora agli inizi ma che aveva un enorme potenziale anche dal punti vi vista paesaggistico e dell’atmosfera. Thomas Feierabend era lì in quel momento e mi ha chiesto di dare un’occhiata a tutto. Abbiamo quindi guidato insieme lungo la Val d’Ega e ci siamo seduti con l’organizzatore Klaus Pichler. Organizzo tutti i tipi di eventi motoristici da oltre 45 anni e ci siamo presto resi conto che la Eggentaer Herbst Classic potesse trarre beneficio dalla mia esperienza.

Si può dire che abbia contribuito in modo decisivo alla professionalizzazione della Eggentaler Herbst Classic?

Puoi vedere che la collaborazione ha avuto successo dal numero di partecipanti. A quel tempo c’erano circa 40 squadre. Nel 2019 c’erano 120 squadre. All’evento partecipano in realtà più squadre di quelle che avevamo pensato.

Un tale successo nasce solo se affronti qualcosa con passione e competenza. Karlheinz Schott, che ruolo hanno le auto in generale e le auto d’epoca nella tua vita?

Io stesso ero un atleta attivo nel panorama dello sport dei motori, ho partecipato al campionato tedesco di rally per molti anni, ho condotto molti raduni internazionali e ho partecipato più volte al rally di Monte Carlo. Durante questo periodo ho anche organizzato eventi motoristici su base volontaria nel club. Poi 20 anni fa ho iniziato con gli eventi di auto d’epoca. Certo, ho un rapporto molto speciale con queste auto e l’entusiasmo per le auto d’epoca significa che non sono solo l’organizzatore, ma prendo anche parte a molti eventi. Questo è estremamente importante, soprattutto, perché posso vedere cosa facciano gli altri e come lo facciano, se bene o meno.

Sembra che questo le prenda molto tempo. Quanto impegno investe per preparare un raduno come la Eggentaler Herbst Classic in qualità di direttore gara e tracciatore dei percorsi?

Sicuramente molto. In realtà la preparazione di un rally di questa portata inizia molto prima. In primavera mettiamo insieme il percorso e determiniamo lo sviluppo delle tappe e di conseguenza delle soste. Quindi guidiamo lungo il percorso, creiamo il road book e determiniamo di quante persone abbiamo bisogno, quando e dove. Il lavoro richiede mesi, ovviamente non costantemente ed esclusivamente, ma continuativamente. E poi c’è il lavoro di Klaus Pichler, che, in qualità di organizzatore e direttore generale, deve organizzare la logistica e il programma di supporto.

Karlheinz Schott, cosa ha di diverso la Eggentaler Herbst Classic?

Ci sono molti punti. Il primo punto è ovviamente l’Alto Adige. Il paesaggio qui è semplicemente fantastico, i percorsi incomparabilmente belli. Il secondo punto è la comunità. L’EHC non è solo una manifestazione, ma anche un incontro di amici che vogliono trascorrere la stagione insieme. Spesso sono gli stessi partecipanti che vengono in Val d’Ega ogni autunno e si divertono a vivere nello stesso hotel e a scambiarsi idee in modo rilassato. E il terzo punto è il rally in sé e per sé, sia grazie al roadbook sia nella varietà. Tutto ciò si traduce in un pacchetto complessivo unico.

Le prove sono diverse dagli altri rally?

Le prove sono le stesse che faccio anche negli altri raduni. Organizzo anche altri eventi, come il Franken Classic a Bad Kissingen o la Schwarzwald Winter Challenge a Durbach. Per me è importante che tutti possano gestire bene le prove, ma le difficoltà sono elevate. Mi piace molto variare. Con me ci sono prove sulla distanza, prove di regolarità, prove di abilità con percorsi nei parcheggi e ovviamente i test cronometrati.

Sembra che il suo modo di fare sia adatto anche a persone che vogliono avventurarsi in una manifestazione per la prima volta.

Sì, ma un principiante deve ovviamente sapere che non può vincere subito. E ha anche senso che qualcuno con esperienza ti spieghi la procedura. Ma un tale raduno non è scienza missilistica per un principiante, soprattutto perché non hai bisogno di molte attrezzature. Un contachilometri e un cronometro sono sufficienti. E se non possiedi una tua auto classica, puoi facilmente prenderne in prestito una. Alcuni organizzatori offrono anche questo o forniscono supporto se qualcuno ha bisogno di un’auto per il momento dell’evento.

Mentre i partecipanti trascorrono giorni di rally spensierati, il tuo motore funziona a tutta velocità. Karlheinz Schott, ha davvero bisogno di una vacanza quando Eggentaler Herbst Classic è finita?

Prima di tutto, ovviamente, sono felice quando tutto è andato bene e i partecipanti sono soddisfatti. Lo faccio per hobby e quindi mi diverto molto, motivo per cui non lo trovo stressante. Ma devo onestamente ammettere che a volte risulta essere un sacco di lavoro. Ma lavorare con Klaus e tutte le persone dei nostri team è semplicemente meraviglioso – è molto familiare e compensa tutto. Ho anche l’opportunità di conoscere nuove persone e nuovi angoli dell’Alto Adige. Penso di conoscere la zona meglio della maggior parte della gente del posto. Quando l’EHC è finita, devo sempre tornare a casa subito perché ho alcune persone con me che mi supportano, ad esempio le mie due figlie. Ma vado anche in vacanza per andare in bicicletta o sciare in Alto Adige – ma troppo poco, se sono onesto. Ma posso lavorarci su …

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail
rssyoutubeflickr
Ganischger srl · Part. IVA 02525700213