La Pensione ¾ Ganischger Plus+ non lascia alcun desiderio insoddisfatto

Con la nostra „Pensione ¾ Ganischger Plus“ avrete libera scelta per il vostro benessere culinario non solamente in Hotel. Infatti, seguendo i vostri desideri ed i vostri ritmi, senza stress, potete gustare il meglio dalle nostre cucine presso la Gardoné, la Ganischgeralm e il Platzl Mountain Lounge. Nulla potrà impedirvi di gustare la più varia esperienza di vacanza „As you like it“.

„Live what you love and only as you like it“

Nel cuore delle Dolomiti, nella caratteristica Val d’Ega, circondata dal Catinaccio e dal Latemar, c’erano una volta i „Ganis“, noti in lungo ed in largo per la loro accogliente ospitalità.

I „Ganis“ avevano creato un accogliente regno in uno dei luoghi più belliavvolto nel verde e nella pace, dove poter viziare i propri ospiti a regola d’arte e dove poterli sorprendere ogni giorno. E, poiché i “Ganis” erano una compagnia molto vivace e popolare, amante del divertimento e mai annoiati, avevano scovato diversi luoghi segreti in cui portare i propri ospiti per offrire loro bella musica ed ogni tipo di intrattenimento.

La gente accorreva anche da molto lontano per trascorrere momenti divertenti e rilassanti in compagnia dei „Ganis“.

Un giorno giunse in Val d’Ega uno straniero. Egli aveva vagato per mezzo mondo, ma, fino a quel momento, non aveva mai trovato cosa andava cercando: il connubio perfetto tra varietà e pace, tra lusso e natura, tra piacere e semplicità. Senza sosta giunse fino alle sponde del Lago di Carezza, dove, dalle acque turchesi del lago, gli apparve una bellissima fata. Ella, scuotendo la testa, guardò il malridotto viandante e gli disse con voce chiara e cristallina:

Vivi ciò che ami, ristabilisci il tuo spazio,

per i tuoi sogni, goditi ogni attimo,

con tutti i sensi, proprio come tu lo desideri …

 

Lo straniero inizialmente colto alla sprovvista, capii che questa era la chiave per raggiungere il suo obiettivo. Improvvisamente si sentì arrivato e pronto per vivere a pieno la propria vita.

Benvenuto al Ganis Ganischgerhof Mountain Resort & SPA

Scoprite tutto il mondo Ganis

Giornate da sogno memorabili

L'Eggentaler Herbst Classic 2020 è stata speciale sotto ogni punto di vista. Particolarmente bella, straordinaria e soprattutto amichevole. Qui passiamo in rassegna i quattro giorni.

Mercoledì, 7 ottobre 2020: domani i motori ruggiranno. Finalmente si comincia!

Probabilmente tutti ripenseremo al 2020. Un anno in cui molto è diverso, molto è stato cancellato. “L’Eggentaler Herbst Classic avrà luogo”, aveva previsto l’organizzatore Klaus Pichler in primavera – e aveva ragione. Un po’ irriconoscibile per la protezione della bocca e del naso. E con Corona test veloci prima del check-in. Tutto per proteggere i partecipanti, il personale e l’ambiente del rally di auto d’epoca nelle Dolomiti. E con un promettente dottor Christian Thuile, responsabile del centro di test EHC: “Nel prossimo futuro, questi test contribuiranno a risolvere il problema del Covid”.

Tutti i test di mercoledì sono risultati negativi, il che ha contribuito a creare un umore estremamente positivo il primo giorno. “Qui in Alto Adige e in Italia la gente si prende più cura di sé stessa che a casa propria”, dicono per esempio Pierre Gerber e Alice Leuenberger dalla Svizzera. E anche Michaela e Jürgen Blatter della Foresta Nera lo confermano: “Qui la gente si tiene a distanza, indossa le maschere – qui c’è una consapevolezza completamente diversa rispetto alla Germania. Ma l’atmosfera tra i partecipanti è tutt’altro che lontana per questo motivo.

Al contrario: molti si conoscono e non vedono l’ora di trascorrere insieme giorni spensierati. E il direttore di pista Karlheinz Schott, che ha già avuto qualche tarlo in testa durante il giro di domande prima di cena, promette ancora una volta un rally molto speciale per i prossimi tre giorni – e, soprattutto, bel tempo. E si rallegra che la buona notizia del centro di prova renda possibile un evento rilassato ma comunque responsabile: “Poiché tutti sono stati messi alla prova, era chiaro che non ci sono riserve o timori tra i partecipanti. Ma la cosa più importante in questo giorno è: l’attesa è finita. Domani i motori ruggiranno. Finalmente si comincia!

Giovedì, 8 ottobre 2020: il sole splende - quasi come fosse da tradizione!

“Siamo contenti di iniziare finalmente! L’atmosfera di Nicole e Christoph Weiland con il numero 15 non potrebbe essere più splendida. E anche il tempo. Ma in qualche modo la vanità del sole è quasi scontata all’Eggentaler Herbst Classic. Alla partenza a Nova Ponente, sullo sfondo maestoso del Catinaccio, Daniel Wenk, co-pilota di Beat Voellmy, ha tradizionalmente suonato il corno da caccia, i motori ruggivano con potenza da vendere: siamo qui quest’anno, nonostante tutte le circostanze. “L’atmosfera è fantastica, il tempo è fantastico, non potrebbe essere migliore”, ha detto Ute Müller piena di euforia – e ha studiato il road book sul suo cofano: “Era ora che ci dessi un’occhiata.

Peter Schmid non vede l’ora di “divertirsi, mangiar bene e fare bene” mentre si rilassa e fa gli ultimi preparativi per il suo trionfante Sptifire GT 6. Tradizionalmente, lui e sua moglie Andrea hanno con loro la loro dolce cagnolina Bonnie – ma è dovuto andare a fare una passeggiata veloce poco prima della partenza. E Thomas Wünsche, che è alla partenza dell’EHC per la seconda volta, non vede l’ora di vedere una “grande e spettacolare pista” e, “che incontriamo di nuovo persone, che abbiamo avuto modo di conoscere l’anno scorso”.

Il primo giorno ha già dato un assaggio dei prossimi giorni. Un sacco di sole. Panorama fantastico e una sosta “segreta” davanti al rifugio Tscheiner Hütte sotto il Catinaccio. Alcuni dei partecipanti si sono goduti un buon bicchiere di vino bianco prima di tornare a Nova Ponente attraverso il lago di Carezza. Tuttavia, Matthias Targa e Klaus Thalmann dello sponsor Schreckbichl, che si occupano professionalmente di vini piuttosto buoni, sono tornati al Ganischgerhof. La gente del posto conosce i vantaggi della regione, ma è ancora più triste che domani debba rinunciare di nuovo alla tour. Nella cantina Schreckbichl ci sono molti appassionati di rally che devono condividere un’auto durante l’EHC. “Se il sole splende e le auto durano fino alla fine, sarà di nuovo un grande evento”, dice Roland Antholzer, un amico dell’organizzatore Klaus Pichler, che finora è stato ad ogni EHC. E Klaus? era raggiante di soddisfazione anche prima di godersi la sua cena durante la serata tirolese al Ganischgerhof: “Una giornata molto, molto bella”, ha riassunto e promesso una giornata ancora più bella venerdì. Ha già fissato l’asticella abbastanza alta per se stesso.

 

 

Venerdì, 9 ottobre 2020: l'imbarazzo della scelta dei fotografi

Partiamo semplicemente dal presupposto che il direttore di pista Karlheinz Schott abbia scritto la sceneggiatura del secondo giorno dell’EHC esattamente allo stesso modo. Pochi minuti prima che le prime auto attraversassero il pittoresco Karersee, il sole splendeva tra il Catinaccio e il Latemar, inondando le strade in una magnifica luce mattutina. E con questo è arrivata la domanda più importante della giornata per tutti coloro che avevano con sé una macchina fotografica – non importa se era in un cellulare o in uno zaino fotografico professionale: dove mi fermo per scattare le foto? C’era semplicemente un punto fotografico che aspettava dietro ogni curva.

Al più tardi al lago Fedaia, l’accordatura è stata decisa dal pedale dell’acceleratore – o in questo caso dal pedale del freno – che è stato il selfie-spot più popolare del giorno. L’auto in primo piano, la possente Marmolada sullo sfondo, il pittoresco lago in mezzo. Doveva esserci tutto quel tempo, anche se il lungo anello sul Passo della Carriera, sul Passo Feidaia, sul Passo di Cereda, sul Passo Rolle e sul Passo di Lavazè non lasciava troppo tempo da perdere. “Con la nostra auto siamo un po’ più lenti e quindi non possiamo fermarci così spesso”, dice Stefan Flohr, che si è goduto “il puro go-kart feeling” nelle innumerevoli curve con la sua Fiat 500. La moglie e la co-pilota Angelika ha usato il tempo per scattare foto dal tetto, a meno che non dovesse guidare Stefan attraverso le tappe.

A differenza dei Flohrs, Wolfgang Gallmetzer festeggia la sua prima all’Eggentaler Herbst Classic. Non è stato quindi facile per lui essere condotto dal suo co-pilota Elfriede Delvai. “In macchina c’è sempre troppo rumore”, dice con una risata – e lascia aperto se questo è dovuto al rumore del motore o ad altre circostanze.

“Forse riusciremo a fare un po’ meglio nei test”, dice Thomas Dänzel, ma è contento “che la “macchinetta” della sua Jaguar E-Type “funzioni bene”. In generale, lui, che partecipa per la seconda volta, ha un grande sorriso in faccia per un giorno da sogno assoluto. “Grande percorso – soprattutto quando si è fatto davvero caldo”, dice Jürgen Strasser anche il secondo giorno del rally nelle Dolomiti e si unisce alle tempeste di entusiasmo dei partecipanti. “Grandioso, non so come Klaus riesca sempre a farlo in questo modo”, dice Sascha Wilhelm, che è stato anche contento di non avere una macchina davanti a sé per dieci minuti con la sua Ferrari Dino 308 GT4.

Sembra che non ci sia davvero nessun depresso. Ma se si guardava con attenzione, si vedeva già che l’uno o l’altro schienale era già un po’ disturbato – da serpentini stretti, sospensioni rigide e sedili sportivi. Il senior boss del Ganischgerhof Walter Pichler, ad esempio, dopo pranzo è salito sulla Porsche Speedster, proprio come il suo co-pilota Franco Bozzetta, scivolando elegantemente lungo lo schienale. “Entrare è ancora possibile”, rise Walter. “Non scenderei più dalla macchina”. E ruggì via con un forte ruggito sul Passo Rolle.

Sabato, 10 ottobre 2020: passaggio sul tappeto rosso

“Pensavamo che oggi nevicasse”, ha spiegato Magda Pardeller perché due paia di sci storici si sono spuntati dall’Alfa Romeo guidato da lei e dalla sua copilota Michaela Amplatz. Ma come gli abitanti del luogo, che hanno già gareggiato nell’Eggentaler Herbst Classic per la dodicesima volta, dovrebbero saperlo meglio: Durante l’EHC, il sole è quasi una caratteristica garantita delle condizioni. Sul Penser Joch c’era già molta neve lungo le strade – ma il sole splendeva con i partecipanti. Anche se l’annunciato fronte del maltempo ha portato alcuni segni di preoccupazione sui volti degli organizzatori. “Prendi quello che puoi al mattino”, per esempio, era il motto della riunione dei fotografi della sera precedente. Alla fine ciò non è stato necessario, perché fino al Concours d’Élegance di Nova Ponente, nel tardo pomeriggio, il sole rideva quasi indisturbato dal cielo.

Pertanto, non c’era solo il “Kaiserwetter” sul Penser Joch, ma anche a Vipiteno. Un locale un po’ privo di senso dell’umorismo si lamentava del fatto che le auto attraversassero improvvisamente la zona pedonale, ma questo non toglieva nulla al magnifico umore dei partecipanti e dei numerosi spettatori di Vipiteno. Al contrario – il percorso sul tappeto rosso con la prova del tubo di gomma davanti al simbolo della città, la Torre delle Dodici, è stato sicuramente uno dei momenti salienti delle tre giornate di rally in Alto Adige e nelle Dolomiti.

Chi pensava che dopo il giorno da sogno di venerdì non ci fossero più miglioramenti, si è sbagliato nell’ultimo giorno. Sul Penser Joch, la squadra di corni francesi intorno a Daniel Wenk e Beat Voellmy ha improvvisamente disimballato un corno alpino – una tromba, ma poiché è fatta di carbonio, può essere facilmente infilata l’una nell’altra e riposta nel bagagliaio. Dopo lo spettacolare tour della città di Vipiteno, il team di oldtimer ha fatto un pellegrinaggio alla città di pellegrinaggio di Maria Trens per il pranzo al Gasthof Post, e poi, in modo molto laico, al produttore di cabine doccia duka per un test impegnativo nei vasti locali dell’azienda.

E naturalmente il Concours d’Élegance è stato, come sempre, uno spettacolo stilistico alla fine dei giorni del rally. Vedere ed essere visti, l’ambizione sportiva e il relax, la gioia e l’umorismo si sono incontrati qui ancora una volta. “Ed ecco che arriva il numero 94 – non gli importa del tempo, non gliene frega niente”, ha detto il presentatore Michael Hagemann, che, come sempre, ha commentato l’ultimo giorno con grande competenza ma anche con molto umorismo.

Ed è proprio questo mix di buon umore, competenza e partecipanti che lo prendono più o meno sul serio che ha reso ancora una volta questa EHC un’esperienza sensazionale. Con “gente simpatica e gente che ride”, come ha riassunto il direttore di pista Karlheinz Schott alla cerimonia di premiazione.

In quel momento il fronte del maltempo aveva colpito il Penser Joch e in poco tempo aveva nevicato completamente.

Testo e foto: Jens Vögele I 360°-Kommunikation

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail
rssyoutubeflickr
Ganischger srl · Part. IVA 02525700213