La Pensione ¾ Ganischger Plus+ non lascia alcun desiderio insoddisfatto

Con la nostra „Pensione ¾ Ganischger Plus“ avrete libera scelta per il vostro benessere culinario non solamente in Hotel. Infatti, seguendo i vostri desideri ed i vostri ritmi, senza stress, potete gustare il meglio dalle nostre cucine presso la Gardoné, la Ganischgeralm e il Platzl Mountain Lounge. Nulla potrà impedirvi di gustare la più varia esperienza di vacanza „As you like it“.

„Live what you love and only as you like it“

Nel cuore delle Dolomiti, nella caratteristica Val d’Ega, circondata dal Catinaccio e dal Latemar, c’erano una volta i „Ganis“, noti in lungo ed in largo per la loro accogliente ospitalità.

I „Ganis“ avevano creato un accogliente regno in uno dei luoghi più belliavvolto nel verde e nella pace, dove poter viziare i propri ospiti a regola d’arte e dove poterli sorprendere ogni giorno. E, poiché i “Ganis” erano una compagnia molto vivace e popolare, amante del divertimento e mai annoiati, avevano scovato diversi luoghi segreti in cui portare i propri ospiti per offrire loro bella musica ed ogni tipo di intrattenimento.

La gente accorreva anche da molto lontano per trascorrere momenti divertenti e rilassanti in compagnia dei „Ganis“.

Un giorno giunse in Val d’Ega uno straniero. Egli aveva vagato per mezzo mondo, ma, fino a quel momento, non aveva mai trovato cosa andava cercando: il connubio perfetto tra varietà e pace, tra lusso e natura, tra piacere e semplicità. Senza sosta giunse fino alle sponde del Lago di Carezza, dove, dalle acque turchesi del lago, gli apparve una bellissima fata. Ella, scuotendo la testa, guardò il malridotto viandante e gli disse con voce chiara e cristallina:

Vivi ciò che ami, ristabilisci il tuo spazio,

per i tuoi sogni, goditi ogni attimo,

con tutti i sensi, proprio come tu lo desideri …

 

Lo straniero inizialmente colto alla sprovvista, capii che questa era la chiave per raggiungere il suo obiettivo. Improvvisamente si sentì arrivato e pronto per vivere a pieno la propria vita.

Benvenuto al Ganis Ganischgerhof Mountain Resort & SPA

Scoprite tutto il mondo Ganis

Eggentaler Herbst Classic 2020
La voce dei partecipanti

Il tempo. La pista. L'atmosfera. Il cibo. I partecipanti all'Eggentaler Herbst Classic sono pieni di elogi per noi. Il che ci rende molto felici, ma ci motiva anche ad alzare un po' l'asticella ogni anno.

Tatjana Assmus: “Sono sei anni che partecipo a rally, sono stato in Argentina, ho guidato quasi tutti i rally italiani, molti anche in Germania. Ma mi sono innamorato dell’Eggentaler Herbst Classic l’anno scorso, quando ci sono stato per la prima volta. Ed è per questo che era chiaro che sarei tornata quest’anno con mio marito. Penso sia fantastico che il concetto di sicurezza, che prevede che tutti debbano fare un test veloce PCR per il Covid-19, ci dia una buona sensazione.

Alice Leuenberger e Pierre Gerber: “Siamo qui per la terza volta, e veniamo sempre per una settimana intera per giocare un po’ a golf prima del rally o per fare shopping a Bolzano. Pensiamo che l’hotel qui sia semplicemente super bello perché tutti sono molto gentili e ospitali. Anche qui ci sentiamo estremamente sicuri anche in questo momento di Covid, perché le persone si prendono cura l’una dell’altra e si comportano in maniera ponderata.

Michaela e Jürgen Blatter: “Questa è la nostra seconda volta all’Eggentaler Herbst Classic e in realtà abbiamo molta esperienza di rally, ma abbiamo comunque utilizzato la sessione informativa con il direttore di gara Karlheinz Schott per fare qualche altra domanda. E si imparano ancora alcuni dettagli importanti. Ad esempio, quanto sia importante prendere curve a destra perché questo può fare la differenza fino a 15 metri. E con la disposizione dei percorsi qui con i numerosi tornanti, questo è un fattore importante nelle prove di taglio. A parte tutto il divertimento, abbiamo un po’ di ambizione, soprattutto perché siamo iscritti anche nella classifica a squadre – e naturalmente non si vuole essere i peggiori.

 

Sabine e Stefan Kunze: “Siamo all’Eggentaler Herbst Classic per la prima volta perché siamo venuti a conoscenza dell’evento tramite un volantino – e poi abbiamo trovato la presentazione del rally con foto, informazioni e sito web incredibilmente buona. Poi ci siamo presi il tempo di guardare tutto e abbiamo pensato: l’Alto Adige e un evento come questo – è lì che dobbiamo andare. Non ci aspettiamo di finire in prima linea, ma siamo molto felici di farne parte. Spostare la nostra oldtimer in questa zona non può essere meglio di così”.

Karlheinz Schott, direttore gara della EHC: “Come ogni anno, abbiamo un percorso interessante con tappe impegnative – e mi piace molto il fatto che l’evento sia accompagnato da un concetto di test che toglie i timori in questi tempi difficili e dà ai partecipanti una sensazione di sicurezza tra di loro.

Klaus Pichler, organizzatore della EHC: “Il primo giorno è stato sensazionale. Mesi prima dell’EHC, ero sicuro che con un concetto di sicurezza ben ponderato saremmo stati in grado di organizzare uno dei pochi rally di quest’anno. Ma niente di tutto questo sarebbe stato possibile se i partecipanti non si fossero iscritti. E il fatto che anche quest’anno siamo al completo mi riempie di gratitudine”.

Matthias Targa e Klaus Thalmann, Kellerei Schreckbichl: “Tempo perfetto, belle macchine, paesaggi bellissimi. Non c’è niente di meglio. Siamo di qui, quindi sappiamo come muoverci. Ma l’Eggentaler Herbst Classic è un’esperienza nuova per noi ogni anno. E’ un peccato che ci siano molti appassionati di rally nella nostra cantina, per questo condividiamo un’auto e ogni squadra di due persone può guidare solo un giorno alla volta”.

Roland Antholzer: “Il panorama è enorme, i percorsi sono di nuovo fantastici e ci divertiamo molto. Ho partecipato all’Eggentaler Herbst Classic ogni anno fin dall’inizio, anche perché sono un buon amico di Klaus Pichler. Se il tempo è quello giusto, è sempre un grande evento – soprattutto se le auto resistono (ride). Il fatto che quest’anno dobbiamo indossare le maschere e prenderci cura l’uno dell’altro non è un problema, ormai ci siamo abituati”.

Angelika e Stefan Flohr: “Siamo felici perché è stato estremamente fantastico. I percorsi erano pazzeschi. Qui le montagne sono come monumenti incastonati nel paesaggio, unico al mondo. Lo troviamo assolutamente affascinante e ci piace molto. Con la nostra Fiat 500 siamo purtroppo un po’ più lenti degli altri, quindi non abbiamo tempo di fermarci a scattare foto. Ma d’altra parte, abbiamo la pura sensazione del go-kart negli angoli”.

Janine Franssen ed Elina, Thomas e Laurenz Feierabend: “Da molti anni ormai partecipiamo all’Eggentaler Herbst Classic – questa volta con due auto. Il fatto che questa volta possiamo partire dal davanti è perfetto perché poi dobbiamo sorpassare meno – le nostre auto corrono davvero veloci. Abbiamo un padre e un figlio, oltre a una squadra madre e figlia – che naturalmente ha il vantaggio di poter vincere anche nella classifica femminile… Le piste sono bellissime – e Klaus seleziona sempre perfettamente le location per le fermate dell’espresso e le pause pranzo.

Nicole e Christoph Weiland (poco prima della partenza): “Non vediamo l’ora che arrivino i prossimi giorni, ci godiamo il tempo migliore e siamo curiosi di sapere cosa aspettarci – e un po’ di eccitazione ne fa parte, perché è per questo che siamo qui.

Ute Müller: “L’atmosfera è fantastica, il tempo è fantastico. Non può essere migliore di quello che abbiamo qui adesso. Che cosa vogliamo di più?

Peter Schmid: “Non vedo l’ora di divertirmi, di mangiare bene, di avere delle buone persone e dei buoni palcoscenici speciali nonostante la situazione particolare”.

Thomas Wünsche: “È la seconda volta quest’anno che partecipiamo al rally. Non vediamo l’ora di fare un altro percorso spettacolare, un po’ più sobrio all’evento per via della situazione particolare, ma soprattutto di rivedere molte persone che abbiamo incontrato l’anno scorso. E naturalmente siamo felici che il tempo sarà di nuovo così bello.

Wolfgang Gallmetzer: “Credo proprio che a volte la macchina faccia un po’ troppo rumore. Non sono sicuro se sia il motore o il mio passeggero (ride)”.

Jürgen Strasser (al secondo giorno): “Stamattina faceva ancora un po’ freddo – ma il percorso era fantastica come sempre. E quando è uscito il sole, è stato davvero divertente”.

Thomas Dänzel: Qui va tutto alla grande. Grandi auto, bel tempo, grande pista, grande atmosfera. Potremmo essere un po’ più bravi, ma siamo ancora in testa. Ma la macchina funziona bene, non potrebbe andare meglio. Questa è la seconda volta che partecipiamo – e l’anno prossimo torneremo sicuramente.

Sascha Wilhelm: “È fantastico! Non so come fa sempre Klaus, ma i percorsi che sceglie sono sempre fantastici. Oggi ho avuto anche la fortuna di non avere nessun’altra macchina davanti a me per dieci minuti – e poi è solo mega divertimento. Questo è il nostro secondo anno di gara. E potete prenotarci anche per il prossimo anno.

Ursula Sutter: “È stato fantastico, come sempre. Il tempo è stato meraviglioso, la gente fantastica, il paesaggio bellissimo e il cibo irresistibile. Siamo stati lì per la sesta volta di fila e ci siamo già registrati per il prossimo anno. Perché è un must per essere qui”.

Andrea e Axel Prym: “Siamo arrivati sani e salvi, questa è in realtà la cosa principale – e ci siamo divertiti molto. L’Eggentaler Herbst Classic è il più bel rally che conosciamo. E quest’anno è stato l’unico per noi”.

Nicole e Christoph Weiland (al traguardo): “E’ stato emozionante e divertente con delle belle giostre. Veniamo dalle montagne, ma dobbiamo dire che qui in Alto Adige è incredibilmente bello. Il paesaggio è fantastico, il cibo è buono, la gente è simpatica – cosa si può chiedere di più. Torneremo sicuramente – e che vogliamo fare bella figura al Concours d’Élegance è una questione d’onore. Veniamo da Basilea, ed è così che dovrebbe essere”.

Magda Pardeller (con gli sci in macchina): “Ci aspettavamo che oggi nevicasse – ed è per questo che abbiamo voluto avere subito con noi tutta l’attrezzatura, in modo da poter scendere facilmente dai passi (ride)”.

Lena Etthöfer e Walter Münch: “Abbiamo guidato insieme per la prima volta all’EHC come squadra in Quattro, veniamo dalla stessa zona e siamo nello stesso club motoristico. Le strade erano davvero belle – e guidarci con l’auto potente – è molto divertente!

Fotos: Jens Vögele I 360°-Kommunikation

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail
rssyoutubeflickr
Ganischger srl · Part. IVA 02525700213