Pronti per la vostra vacanza?

Fate subito una richiesta senza impegno o prenotate direttamente la vostra esperienza di vacanza più varia nelle Alpi dai Ganis.

Pianifica
la tua
vacanza
Hotel Ganischgerhof Deutschnofen Dolomiten Südtirol

"L'ospitalità è la nostra passione"

Il 2020 è stato un anno memorabile, intenso e impegnativo per tutti noi. Nonostante tutto, Andreas, Georg, Klaus e Markus guardano indietro con gratitudine e guardano avanti con speranza al futuro in una conversazione tra quattro fratelli.

È stato un inverno da sogno. Montagne di neve già a novembre 2019, poi tanto sole. Buon umore. Piste piene. E come ciliegina sulla torta, l’apertura del LOOX a Obereggen, che ha stabilito nuovi standard nella scena dei club altoatesini. A gennaio, il Coronavirus era ancora lontano da tutto questo, finché alla fine si è avvicinato sempre di più, diventando sempre più minaccioso e ponendo bruscamente fine alla stagione sciistica in tutto l’Alto Adige. All’inizio di marzo era finita – e il governo italiano ha imposto una dura serrata con lockdown in tutto il paese. 

 

Quando guardate indietro al 2020, a cosa pensate?

Markus: Certi scenari, che avevamo visto solo nei film, improvvisamente sono diventati realtà. Non credo che nessuno, in tutto il mondo, fosse preparato ad una cosa del genere, cosa che si può vedere anche nel modo in cui l’abbiamo affrontata all’inizio. Ma dopo lo shock iniziale, abbiamo imparato relativamente in fretta come affrontare la situazione. E anche se la situazione è tornata a farsi sentire in autunno, ora c’è una certa fiducia.

Georg: Quando è diventato realtà che noi dovessimo chiudere tutte e cinque le strutture da un giorno all’altro nel bel mezzo di una sfavillante stagione invernale e la stagione sciistica era finita, non riuscivamo davvero a crederci. Niente ospitalità né all’hotel Ganischgerhof, né in nessun’altra struttura del Ganis World.

Markus: Soprattutto perché abbiamo avuto un anno di incredibile successo fino a quel momento. Con la neve senza fine e non da ultimo l’apertura del LOOX a Obereggen, che come club è stato una calamita per i locali e i turisti fin dal primo giorno.

 

Come avete affrontato questa situazione all’inizio?

Markus:In un certo senso non ho potuto afferrare subito il tutto, è successo troppo in fretta. Ero a casa, improvvisamente avevo tempo per i bambini, il che era molto bello da un lato. E allo stesso tempo, pensavo a cosa sarebbe successo dopo. Abbiamo tutti messo tanta passione nelle imprese – e all’inizio avevamo naturalmente paura che Covid distruggesse tutto quello che avevamo costruito. Ma poi ci siamo resi conto insieme abbastanza rapidamente che dovevamo prepararci per quello che ci aspettava. Che prima o poi avremmo potuto dimostrare nuovamente la nostra ospitalità all’hotel Ganischgerhof e nelle altre strutture Ganis.

Klaus: Il problema più grande per noi nell’anno del Coronavirus 2020 era – e lo è ancora oggi – che potevamo e possiamo davvero sempre e solo navigare a vista. O non ci era permesso di aprire – e se ci era permesso di aprire, il nostro compito principale era di evitare di avere un caso di COVID in casa. E, naturalmente, mi preoccupo per l’azienda, la nostra famiglia e i nostri dipendenti in questo.

Andreas: Il COVID ci ha portato a trovarci in una situazione che non avremmo mai potuto immaginare: che il Brennero era chiuso, che non ci era praticamente permesso uscire di casa per due mesi. 

 

Welche Weichen habt ihr gestellt?

Klaus: Non abbiamo nascosto la testa nella sabbia – e abbiamo iniziato a pianificare nonostante tutte le difficoltà nel farlo. Non poter dimostrare la nostra ospitalità all’hotel Ganischgerhof e nelle altre strutture Ganis e non poter aprire le nostre attività durante l’estate non è mai stata un’opzione per noi. E ripensando all’estate, che tutto sommato è andata bene e senza intoppi, anche questo è stato buono e giusto.

Georg: La cosa buona della fase del primo blocco a marzo è che ci siamo occupati di cose che altrimenti avremmo rimandato ancora. Abbiamo implementato molte cose tecniche e ottimizzato i processi logistici interni. Ma abbiamo anche digitalizzato tutti i menu, per esempio, o introdotto cartelle digitali nelle camere dell’hotel. Non solo perché questo era necessario per ragioni igieniche, ma anche perché ci siamo posti la questione di chi avrà ancora bisogno di menu stampati in futuro. Quando volevamo mettere un nuovo piatto sul menu, prima della digitalizzazione, dovevamo stampare ogni volta i menu in 3 lingue e rifare tutto. Ora abbiamo implementato alcuni aspetti dell’ospitalità all’hotel Ganischgerhof e in tutte le altre strutture Ganis.

Markus: Prima avevamo dieci quotidiani a disposizione per gli ospiti – e oggi i nostri ospiti possono scegliere tra 400 riviste digitali che possono leggere sul suitepad nella loro stanza o sul loro smartphone. Per esempio, se un ospite viene dal Belgio, può leggere con noi il suo solito quotidiano belga. Per nostro padre, a 78 anni, leggere un giornale su un tablet era prima inimmaginabile. E ora è la cosa più normale del mondo per lui.

Quando le attività commerciali, gastronomiche e turistiche sono state autorizzate a riaprire alla fine di maggio, è tornata un po’ di normalità. All’interno dell’Europa, ci si poteva muovere di nuovo liberamente un po’ alla volta – ma gli incontri erano improvvisamente diversi. La distanza, le mascherine e le norme igieniche assicuravano la distanza. Almeno fisicamente, influenzando anche in qualche misura l’ospitalità dell’hotel Ganischgerhof.

 

Quali sono state le sfide più grandi per voi quando è iniziata la stagione estiva?

Andreas: Devo ammettere che all’inizio pensavo che la vacanza con la mascherina sarebbe stata difficile. Ma la realtà ha dimostrato che mi sbagliavo. La volontà degli ospiti di assumersi la responsabilità e di essere aperti al cambiamento è stata enorme. Abbiamo notato che anche le persone si abituano rapidamente alle nuove situazioni e che hanno accettato di buon grado una nuova versione dell’ospitalità genuina dell’Hotel Ganischgerhof.

Markus: Ma siamo stati anche estremamente sfidati ad organizzare tutto in questo modo senza perdere la cosa più importante: l’ospitalità. Per noi, l’ospitalità all’Hotel Ganischgerhof, è passione. Senza ospitalità, un’esperienza di vacanza non è possibile. La domanda centrale era: come è possibile sviluppare concetti di igiene, mantenere una distanza fisica senza perdere la vicinanza emotiva?

 

E come avete fatto?

Markus: Con la collaborazione di tutti in modo impressionante. Non solo noi della famiglia, ma anche i nostri dipendenti fissi, che siamo riusciti a tenere a bordo nonostante tutte le difficoltà. Dopo tutto, non era solo la conversione delle nostre operazioni alla situazione di Covid ad essere difficile. In effetti, aprire tutte le nostre strutture nello stesso fine settimana dopo il blocco è stata una grande sfida organizzativa per noi. Il modo in cui abbiamo lavorato come una squadra è stato fantastico. Siamo molto grati per questo. 

Klaus: Ciò che ci ha spronato, naturalmente, è stato che abbiamo subito notato che l’estate è andata meglio del previsto. Normalmente dobbiamo sempre fare molti sforzi per conquistare nuove persone per noi e per la nostra bella regione. Ma questa volta tutto è andato molto bene. Persone che hanno prenotato con noi e che altrimenti non avrebbero mai pensato di fare una vacanza con noi. E a molti di loro è piaciuto così tanto che hanno già prenotato di nuovo per il 2021. Non avremmo potuto ottenere qualcosa del genere con qualsiasi campagna di marketing al mondo.

 

Erano persone che altrimenti avrebbero prenotato un viaggio più lontano o avrebbero preso un aereo per andare altrove? ?

Georg: Si, ma non solo loro. Ma anche persone che di solito vanno al mare in estate, ma per le quali era semplicemente troppo affollato per gli standard creati dal Covid e che quindi cercavano gli spazi delle montagne.

Markus: Quest’anno abbiamo avuto anche un numero insolitamente grande di vacanzieri italiani, perché in Europa molte persone finiscono per andare in vacanza nel loro paese. E i nostri ospiti abituali dalla Germania o da altri paesi europei che venivano in estate avevano la bella sensazione di poter tornare a casa in poche ore di macchina se fosse successo qualcosa di straordinario. 

Vacanze in montagna. Godersi la natura. Essere attivi. Tutto questo è ora molto in voga. La sostenibilità è sulla bocca di tutti. Forse uno degli effetti positivi del Covid a lungo termine è che regioni come l’Alto Adige diventeranno ancora più popolari di prima. Alla fine del 2028, un sogno della politica dei trasporti diventerà realtà quando il tunnel di base del Brennero sarà aperto. Il tunnel più lungo del mondo porterà l’accessibilità dell’Alto Adige a nuove dimensioni – i treni non avranno più bisogno di tre ore da Monaco a Verona. 

 

Se la tendenza dovesse continuare a spostarsi dai viaggi aerei e di lunga distanza verso le vacanze in montagna basate sulla natura, cosa significherebbe questo per voi?

Klaus: Abbiamo un’enorme opportunità di posizionarci e distinguerci sul tema della sostenibilità. Certo, la regione deve stabilire le condizioni quadro, ma noi dobbiamo fare la nostra parte. Ho grandi speranze per il tunnel di base del Brennero, per esempio: Andare da Monaco a Bolzano in due ore è sensazionale e imbattibile. 

Markus: Soprattutto perché non c’è modo più piacevole di viaggiare che in treno. Per me, è anche chiaro che alcune aree del turismo saranno estremamente cambiate a seguito del Covid. Il business delle compagnie aeree, per esempio. O l’industria delle crociere.

Andreas: Una ragione in più per perseguire la visione di una vacanza senza auto. Prendere il treno per Bolzano, essere mobili senza sacrificare il comfort con un servizio navetta ecologico – me lo immagino bene.

 

Sarà questo uno dei più grandi compiti di una regione di turismo sostenibile, per plasmare attivamente la svolta della mobilità?

Andreas: Se il COVID ci ha mostrato qualcosa, è che possiamo raggiungere cose che non avremmo mai potuto immaginare – le frontiere erano chiuse, siamo stati a casa per due mesi per contenere il virus. E se vogliamo agire sul cambiamento climatico, dobbiamo essere coerenti. Abbiamo dimostrato che possiamo ottenere molto quando dobbiamo allontanare una minaccia concreta. Abbiamo bisogno di fare cambiamenti decisivi e concreti – e per molti aspetti questo è davvero facile.

Klaus: Ed è anche chiaro che qualcosa deve cambiare nella situazione del traffico. Lo spazio è limitato qui, quindi dobbiamo fare in modo che non ci siano sempre più auto sulle strade. Io stesso sono un appassionato guidatore – ma naturalmente mi infastidisco anche quando la nostra vista meravigliosa è rovinata da motori rombanti. Allo stesso tempo, sebbene io stesso sia un ciclista, sono anche infastidito dai ciclisti da corsa che pedalano fianco a fianco e che quindi non posso superare in auto. In realtà è molto semplice: abbiamo bisogno di un clima di unione e dobbiamo mostrare considerazione l’uno per l’altro. In nessun luogo si ha così tanto spazio come in montagna. E la gente cerca pace e relax qui. Da un lato, dobbiamo offrire un’esperienza, ma anche proteggere ciò che abbiamo intorno a noi.

Andreas: Ma alcuni problemi possono anche essere affrontati alla radice. Molti vacanzieri cercano pace e tranquillità in montagna e si sentono disturbati dal rumore delle moto in estate, per esempio. La soluzione a questo è in realtà abbastanza semplice. Non si può vietare alla gente di divertirsi, ma bisogna affrontare il problema del rumore. I motori elettrici potrebbero farci fare un grande passo avanti in questo senso.

Georg: Penso che sia importante non perdere di vista il futuro, anche in tempi emotivamente turbolenti come questo. E le prospettive per la nostra destinazione saranno enormi se ci concentriamo sulla sostenibilità e sul turismo basato sulla natura.

Markus: Lo dobbiamo ai nostri figli e alla natura di vivere in modo sostenibile. Ma non dobbiamo nemmeno mostrare ogni dettaglio che implementiamo nelle nostre imprese, come si fa in molte aziende. Dobbiamo semplicemente viverlo..

 

È importante anche perché la pandemia ha fatto capire a molte persone cosa è veramente importante nella vita??

Klaus: Credo che molti di noi conoscano la situazione in cui la nostra vita privata soffre a causa del nostro lavoro. L’importanza della salute è dimostrata ogni giorno, specialmente durante una minaccia sanitaria. E mia figlia è stata sicuramente la vincitrice del primo lockdown in primavera. Cucinavo due volte al giorno, ci sedevamo a tavola insieme tre volte al giorno, ero in albergo con lei due ore al giorno per lavorare, curare il giardino, tagliare i lillà. Quando è stata l’ultima volta che ho tagliato i lillà?

Andreas: Noi ci siamo sempre inventati qualcosa di utile, abbiamo saltato sul trampolino, ci siamo divertiti molto insieme. Da questo punto di vista, il tempo è stato davvero energico.

Georg: Abbiamo cucinato moltissimo a casa, a volte si è pensato a un menu. Quando mai abbiamo il tempo di cucinare un menu insieme. E abbiamo passato molto tempo in giardino, facendo il barbecue più presto che mai – perché la primavera era eccezionalmente bella. 

Markus: Ma in qualche modo la situazione era anche paradossale. Da un lato, avevamo tutti molto tempo per i bambini e la famiglia, ma dall’altro, lavoravamo più duramente che mai – non nell’azienda, ma per l’azienda. Tutti i nostri piani sono stati buttati dalla finestra e abbiamo dovuto ripensare molte cose. È stato anche paradossale che non siamo stati praticamente in grado di riunirci come famiglia durante il lockdown. Tuttavia, la situazione ci ha avvicinato ancora di più. Ci è stato subito chiaro: tutto quello che facciamo ora non deve essere per contrastare il Covid. Invece, tutto deve essere a prova di futuro ed essere ancora sostenibile dopo il Covid.

GanischgerhofGardonéPlatzlGanischgeralm e da dicembre 2019 anche il LOOX. Al fine di garantire operazioni senza intoppi ovunque, è importante che tutti si mettano insieme – e lavorino insieme per trovare soluzioni quando si verificano eventi imprevisti come la pandemia dovuta al Covid. Ma nascondere la testa sotto la sabbia non è nella natura di Andreas, Georg, Klaus e Markus. Quasi nessun estraneo avrebbe pensato che un evento come l’Eggentaler Herbst Classic potesse avere luogo nell’autunno del 2020, quando quasi tutti gli eventi sono stati cancellati per tutto l’anno. In ottobre, però, la scena delle auto d’epoca si è finalmente riunita in Val d’Ega per un evento indimenticabile, che si è svolto con un impegno instancabile e un sofisticato concetto di sicurezza, nella classica ospitalità dell’hotel Ganischgerhof. E che la gente tornerà presto al LOOX – e che gli sciatori si incontreranno di nuovo sulle piste – è qualcosa in cui non solo tutti credono, ma per cui tutti lavorano duramente. 

 

La coesione familiare vi ha aiutati a superare situazioni emotivamente difficili? Soprattutto dover chiudere il LOOX appena aperto, che ha avuto un grande successo fin dal primo giorno, deve essere stato estremamente doloroso.

Markus: Cosa posso dire? È così e basta. Il LOOX come lo abbiamo pensato noi è stato attivo solo per poche settimane lo scorso inverno. Non esisteva in estate. E non ci sarà nemmeno quest’inverno. Ma abbiamo una struttura perfetta e un posto bellissimo. Non aprirlo affatto fa più male. Ecco perché stiamo lavorando a delle idee su come possiamo utilizzarlo e divertirci nonostante tutto. E che possiamo riaprire appena possibile. Sarà diverso da prima, più tranquillo. E ancora qualcosa di speciale. Eppure, naturalmente mi vengono le lacrime agli occhi a pensare a quanto siano state intense le prime settimane e i primi mesi. E quante persone c’erano che hanno portato il LOOX nel loro cuore dal primo giorno.

Klaus: Abbiamo anche dimostrato nel 2020 che possiamo padroneggiare le grandi sfide. Probabilmente quasi nessuno credeva che l’Eggentaler Herbst Classic potesse avere luogo. E alla fine è stato un grande evento per tutti i partecipanti. Con i test rapidi Covid per tutti i partecipanti. Un po’ diverso dagli anni precedenti – ma ancora intenso. Penso che abbiamo stabilito lo standard per come organizzare con successo tali eventi anche in tempi difficili.

 

Ma poco dopo, la situazione Covid in Europa si è drammaticamente aggravata di nuovo. 

Markus: Ecco perché l’inverno è tutt’altro che finito per noi. Siamo preparati. E apriremo non appena sarà di nuovo possibile. Abbiamo già dimostrato che possiamo farlo – e che la sicurezza e la salute dei nostri ospiti e dipendenti sono la nostra massima priorità.

 

Per cui, ovviamente, le regole della distanza e l’après-ski sono difficili da conciliare..

Georg: Quest’inverno, naturalmente, non è possibile lavorare come siamo abituati. Ma sarà anche eccitante vedere se tornerà di nuovo. Dobbiamo scoprire quali sono i bisogni dei nostri ospiti. Se dopo il Covid hanno voglia di fare più festa che mai o se eventualmente si faranno riguardo per la troppa vicinanza.

Andreas: Sono convinto che riusciremo a gestire il Covid nel prossimo futuro – e quindi non credo che avrà un impatto notevole sulla nostra convivenza a lungo termine. La gente ha semplicemente il bisogno di essere vicina all’altro. 

 

Quali sono le vostre aspettative per il 2021?

Markus: Speriamo, naturalmente, che la situazione migliori gradualmente e che al più tardi nella prossima stagione invernale avremo di nuovo gran parte della normalità che tutti desideriamo. E se manteniamo gli aspetti positivi, cioè il prendersi cura l’uno dell’altro e l’essere premurosi, sono fiducioso per il futuro.

Georg: Non vedo l’ora che arrivino i primi ospiti invernali. Attualmente abbiamo più neve di quanta ne abbiamo avuta da molto tempo – tutto è perfettamente preparato. E poi essere fuori e non vedere nessuno è straziante.

Andreas: È quello che fa più male, quando pensi a quanto potrebbe essere bello ora.

Klaus: L’ospitalità è la nostra passione all’Hotel Ganischgerhof. Ma ciò che fa male in questo momento è anche la nostra grande opportunità. Un immobile, un hotel, un rifugio sono intercambiabili, ma le persone che ci sono dietro non lo sono. Nessuno può sostituire un’esperienza personale o una raccomandazione personale. Questo vale mille volte di più di una valutazione su Trip Advisor. La personalità è la cosa più importante nella gastronomia. E noi continueremo a incarnare questo. Impostare la giusta rotta. E fare i nostri compiti. Allora possiamo davvero guardare al futuro.